Skip links

Cosa visitare a Bari: itinerario a piedi

cosa visitare a Bari signora che prepara la pasta fresca fuori casa
Ingresso Bari vecchia

Se c’è una cosa che amo fare quando sono in viaggio è perdermi tra le vie delle città. Dopo aver visitato i luoghi ho programmato, mi lascio prendere dalle sensazioni che la città mi trasmette facendo si che siano le emozioni a trasportarmi, iniziando a scoprire la città senza un itinerario preciso. E’ successo anche a Bari, soprattutto per i vicoli della città vecchia, ecco perché oggi troverai il mio itinerario su cosa visitare a Bari, in 1 giorno ma anche in 2, rigorosamente a piedi.

Di Bari te ne avevo già accennato nel precedente articolo sull’itinerario di 5 giorni in Puglia, ma oggi entriamo nello specifico. Quindi prendi carta e penna per non perderti nemmeno un luogo di questo itinerario alla scoperta della vivace Bari.

Cosa vedere a Bari vecchia

cosa visitare a Bari vecchia
Vicoli di Bari vecchia

Bari è una città a cui si possono dedicare tranquillamente 1-2 giorni visto che la maggior parte delle sue attrazioni si concentrano nel suo tipico e caratteristico centro storico.  Nonostante Bari vecchia sembra un luogo dove il tempo scorre lento fermato scandito dalle donne che ogni giorno impastano e vendono la pasta fresca fuori dalle loro case, Bari saprà sorprenderti non solo per la città vecchia, ma anche per la vibrante zona “nuova” e il suo lungomare. Luogo ideale per lunghe passeggiate al calar del sole.  

Se stai organizzando un itinerario in Puglia ti consiglio di non perdere la città di Bari, potrebbe ad esempio essere la meta iniziale per andare alla scoperta della Valle d’Itria.

Durante la mia vacanza in Puglia sono stata 2 giorni interi a Bari e nelle prossime righe troverete l’itinerario che ho percorso, i luoghi dove ho mangiato e i posti che secondo me non dovresti assolutamente perderti.

Cosa visitare a Bari: Castello Normanno Svevo

Cosa visitare a Bari, castello normanno Svevo visto dall'esterno
Castello Normanno Svevo

Avendo l’appartamento fuori da Bari vecchia, la prima cosa che ho incontrato è stato l’imponente Castello Normanno Svevo. 

Perchè non dovresti perderlo? questo castello, fatto costruire da Federico II di Svevia, è l’edificio simbolo del capoluogo pugliese. 

Si trova ai margini della città vecchia ed è uno dei luoghi imperdibili durante un viaggio a Bari. Adesso alcune delle sale sono adibite per prestigiose mostre ed è la sede della Soprintendenza per i Beni Architettonici e storici per le province di Bari. Si entra su prenotazione, scopri più giù gli orari e dove prenotare la tua visita. Per chi non vuole entrare può percorrere il suo perimetro e solo questo ti farà sentire come una piccola formica dinanzi ad un castello così mastodontico.

Una delle caratteristiche del castello è la sua particolare geometria interna che è quadrangolare. Altro aspetto importante è che un’ala del castello è la sede del museo della Gipsoteca, dove potrai ammirare i modelli di alcune delle sculture che decorano le facciate dei monumenti più importanti della regione.

Tip: dal castello si entra dal lato sud da piazza Federico di Svevia 2. Gli orari sono dalle 08.30 alle 19.30 tutti giorni TRANNE IL MERCOLEDì. 

Prezzo del biglietto 6€ prenotabile qui 

Cosa visitare a Bari vecchia: Arco basso o via delle orecchiette Bari 

Subito dopo aver ammirato il castello mi sono diretta verso uno dei luoghi iconici della città. La famosissima via delle orecchiette. Con chiunque parlassi per dei consigli su cosa visitare a Bari puntualmente Arco Basso veniva menzionata!

E come dargli torto? qui ho respirato un’aria diversa rispetto alle altre zone della città. Le case una accanto all’altra, il profumo di bucato che pervade le strade grazie ai panni stesi fuori dai balconi, le signore che ogni giorno fuori dalle loro case impastano con una maestria unica la pasta fresca per trasformarla in orecchiette, i bar sempre pieni di persone sedute fuori con l’immancabile Peroni tra le dita pronti a ricambiare il tuo sorriso.

Della via delle orecchiette ho amato la sensazione di essere riuscita a sentirmi a casa, nonostante io fossi a chilometri di distanza.

Non mi sento di darti un itinerario preciso, perché ammetto di non averne seguito nessuno nemmeno io.

Mi sono semplicemente lasciata trasportare da questo labirinto di stradine lasciando che fosse Bari a indicarmi la prossima destinazione, come infatti è stato.

Tip: quando sono arrivata nella città vecchia era il primo pomeriggio e c’erano molte persone in giro. Se mi leggi da un pò ormai saprai che amo godermi i momenti in tranquillità. Ecco perchè la mattina dopo sono tornata nelle via poco prima dell’alba ed è stata tutta un altra storia.  Ti consiglio di fare questo sacrificio perché ne vale assolutamente la pena e si scoprono diversi dettagli che con il caos vanno persi.


Se vuoi scoprire di più questo viaggio, non perderti le storie in evidenza sul mio profilo Instagram!

Basilica di San Nicola 

Impossibile non notarla visto che si trova nel cuore della città vecchia. In stile Romanico Pugliese la Basilica incanta con le sue mura bianche in pietra calcarea. E’ uno degli esempi più importanti dell’architettura romanica pugliese. Si trova nella piazza Largo Abate Elia 13 e la sua bellezza non è soltanto esterna. L’interno della basilica è suddiviso in tre navate su una pianta a croce latina commissa, e vi si trovano grandi esempi di abilità scultorea come la cattedra episcopale.

La Basilica è a ingresso libero ed è aperta dalle ore 07.00 alle 20.30

TIP: Con tutto questo camminare è probabile che ti sia venuta fame: niente di meglio di un pezzo di focaccia barese al panificio Fiore  uno dei più famosi della città.

E’ aperto dalle 08-13.30 e dalle 17.30 alle 20.30 e si trova proprio dietro la Basilica.

Non è facile da vedere, tranne quando c’è la fila fuori, tieni come riferimento che davanti c’è un bar sul lato destro della strada.

Cattedrale di San Sabino

Continuando il mio itinerario a piedi alla scoperta di Bari dopo aver visitato la Basilica sono arrivata alla Cattedrale di San Sabino.La cattedrale fu eretta nel 1178 seguendo lo stile della Basilica di San Nicola. Nella cripta  sono stati ritrovati mosaici di origine paleocristiana, e se avrai il tempo ti consiglio di non dedicare qualche minuto alla sua scoperta perché la cripta è davvero affascinante. 

Piazza del Mercantile

Dopo che ho visto la parte storica della città improvvisamente mi sono ritrovata dinanzi a questa splendida piazza. Con il Palazzo del Sedile costruito nel 500 a fare da cornice è stata una bellissima sorpresa. Questa piazza fin dai tempi del medioevo veniva utilizzata come centro per gli scambi commerciali, ed è stata anche base per il mercato cittadino.

Oggi è un luogo d’incontro sia durante il giorno, che di sera,  dove si anima di persone visto la presenza di molteplici bar per l’aperitivo e ristoranti.

Tip: pausa dolce per un pasticciotto alla crema da Martinucci proprio sotto la torre dell’orologio.

Io amo girare in totale autonomia quando viaggio, ma so che molte persone preferiscono essere guidati da qualcuno del luogo così da essere sicuri di non perdere nessun dettaglio. Se tu sei tra questi ti consiglio uno dei tanti tour con CIVITAS, che grazie a guide esperte ti condurrà alla scoperta dei luoghi più belli di Bari.

Dopo aver visitato la città vecchia di bari rimane da visitare la zona del porto.

Se ancora non hai ancora deciso che itinerario fare per scoprire la Puglia trovi il nostro itinerario in questo articolo

Cosa visitare a Bari: Teatro Margherita 

Cosa visitare a Bari teatro Margherita
teatro Margherita Bari

Impossibile non notare questo bellissimo teatro in stile liberty che sembra galleggiare sull’acqua. Il teatro infatti  è l’unico in Europa costruito su palafitte e il primo edificio costruito in cemento armato di Bari (prima era in legno)

Dietro alla costruzione di questo teatro c’è una storia molto particolare, che ti invito a scoprire qui.

Tip: fino al 25 agosto all’interno del mercato c’è la mostra del fotografo Steve Mccurry. L’ingresso viene 10€ ma devo essere sincera di non esserne rimasta soddisfatta. Ovviamente le foto sono spettacolari, ma non c’è nessun tipo di spiegazione e questo rende la visita poco interessante.

Concludi la tua giornata alla scoperta di Bari con una bellissima passeggiata sopra le mura, così da poter aver una visuale dall’alto sia della città vecchia che sul porto.

Dove mangiare a Bari

cosa visitare a Bari piatto tipico con polpo
  • Focaccia Barese: al panificio fiore
  • Cena: piazza del Mercantile al Mercantile Nove, e panino al polpo da Mastro Ciccio
  • Aperitivo: sul lungomare da la Biglietteria
  • Scagliozzo : largo albicocca da Le Sgagliozze  
  • Pasticciotto: in piazza del Mercantile da Martinetti 

Dove andare al mare a Bari 

Se si visita in estate però perché non dedicare anche qualche ora per rilassarsi sulla spiaggia?? noi siamo state alla spiaggia Pane e Pomodoro che si trova sul lungomare di Bari.

Abbiamo optato per la spiaggia libera e sinceramente per essere così vicina al centro l’acqua non era niente male, anche se c’erano moltissime persone.

L’itinerario su cosa visitare a Bari termina qui e mi raccomando se visiterai Bari, e seguirai i miei consigli, non dimenticarti di farmi taggarmi nelle tue storie su Instagram.

Per qualsiasi domanda o consiglio puoi lasciarmi un commento.

Se vuoi avere il post a portata di mano salvalo su Pinterest!

All’interno di questo articolo sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se prenoti tramite i link che trovi qui per te il prezzo non cambia, e io prenderò una percentuale che mi è di aiuto per continuare a scoprire luoghi di infinita bellezza e consigliarti cosa non perdere.

A presto,

Arianna 

Cosa visitare a Bari