Skip links

Mare in Toscana: Cala Civette

Tempo di lettura: 5 minuti
Cala Civette

600 passi di spiaggia color oro e la macchia mediterranea che fa da cornice.Se stai cercando idee per le tua vacanza e cerci una località per andare al mare in Toscana, Cala Civette nella località di Scarlino a Follonica probabilmente fa al caso tuo.

Io e Francesco avevamo voglia di stare un giorno a contatto con la natura e rivivere le emozioni di dormire sotto un cielo stellato. Così dopo qualche ricerca abbiamo trovato questa cala, ancora poco conosciuta che sembrava fare proprio al caso nostro. Una piccola caletta nella maremma Toscana accanto alla famosa spiaggia di Punta Ala.

Dove si trova Cala Civette e come arrivarci

Cala Civette si trova in provincia di Grosseto, nella riserva Scarlino ed è una delle spiagge più belle del golfo di Follonica. Dista 20 minuti in macchina da Castiglione della Pescaia e Follonica proprio nel mezzo tra la spiaggia di Cala Violina e Punta Ala. Scopri qui le coordinate

Il parcheggio (gratuito e non costudito) lo troverai sulla strada nel lato sx. Il mio consiglio è di andare muniti di cappello visto che dovrai proseguire a piedi per circa 10-15 minuti in un tratto di strada sprovvisto di ombra. Per arrivare alla spiaggia avrai due due possibilità.

Tip: Cerca di arrivare la mattina presto per assicurarti il posto nel parcheggio, ma non lasciare l’auto sulla strada, perché la zona è soggetta a multe.

La prima opzione è che dopo aver parcheggiato tu prenda subito la prima deviazione sulla destra dove c’è un cartello sulle norme di comportamento in spiaggia. Inizia un sentiero, costeggerai tutta la pineta e dopo circa 25-30 minuti per sarai direttamente sulla spiaggia.

Il ponte da dove inizia il percorso

La seconda (quella che abbiamo scelto noi) è un po’ più “difficile” ma molto più veloce. Una volta lasciata l’auto prosegui dritto per circa 10-12 minuti costeggiando la strada che sbuca direttamente al campeggio. Troverete una catena sulla destra con un piccolo ponte con una statua, prendete quella strada e che vi condurrà alla spiaggia di Punta Ala. Da qui viene il bello, perché per arrivare alla spiaggia di Cala Civette dovrai attraversare un guado che non arriva nemmeno ad un metro di altezza, (passavano molti bambini dai 7 anni in su),ma essendo il fondo ricoperto di alghe diciamo non è una sensazione molto “piacevole”. Una volta arrivati dall’altro lato percorrete 200 metri scogli, e dopo una curva sarai arrivato in questa bellissima spiaggia decisamente wild.

Il guado

Tip:super importante niente infradito!! Non fate il nostro errore, che nonostante siamo abituati ad andare sugli scogli, abbiamo trovato difficoltà avendo le ciabatte bagnate. Io sono caduta 3 volte rompendo il nostro tavolo. Quindi è meglio optare per Ciabatte da scoglio oppure sandali chiusi!

Per il ritorno abbiamo trovato un’altra opzione, che tra poco ti racconterò.

Cala civette Scarlino: uno spettacolo naturale

Tramonto a Cala Civette

Eccoci qui, arrivati la vista è strabiliante. Sono le 19.57 e sto affondando i piedi nella sabbia calda, il paesaggio che ho davanti mi trasmette una calma indescrivibile. In lontananza si scorge l’isola d’Elba, velata dall’umidità, il mare con il suo rumore risuona potente e forte. Le cicale cantano fragorosamente dietro di noi. Siamo soltanto noi sulla spiaggia e un tramonto arancione acceso inizia a farsi vedere. Facciamo una pratica di yoga e meditiamo cullati dal suono inconfondibile del mare.

Yoga moment


Penso a quanto mi sia mancata questa libertà. Di quanto nei giorni della quarantena io abbia sognato il giorno che avrei potuto nuovamente vivere queste emozioni. E penso che ora che ci sono voglio godere di ogni istante, guardo Francesco e insieme sorridiamo, sicuri di pensare la solita identica cosa. Abbiamo parlato tanto di come avremmo vissuto i viaggi dopo il Covid: che sarebbe stata come una nuova opportunità, ogni cosa avrebbe avuto un altro peso e un altro valore. Di questo c’è ne stiamo accorgendo sempre di più soprattutto nelle piccole cose, semplici come venire al mare in Toscana, la nostra terra.

Montiamo la nostra tenda e dopo aver mangiato rimaniamo a guardare le stelle fino a tarda notte. Tutto era perfetto, il vento che ci accarezzava, la natura dietro di noi con i suoi rumori, le onde che si infrangevano sulla sabbia.

Dove andare al mare in Toscana: Cala Civette Wild

cala civette
Bungiorno che amo

Mi sveglio e una timida alba sta facendo capolino, Francesco sta sempre dormendo. Decido di uscire dalla tenda per godermi lo spettacolo. Se hai letto qualche mio articolo conoscerai il mio amore per l’alba. Ne approfitto e sfrutto quel momento per ricaricare le energie e iniziare la mia giornata al meglio. Ho fatto il mio allenamento in costume mentre l’alba tingeva il cielo e la brezza mattutina giocava con i miei capelli. Ho meditato ed ho ringraziato madre natura per lo spettacolo che ci ha donato.

cala civette scarlino
Alba Cala Civette

L’acqua turchese non ha niente da invidiare alla sardegna. La spiaggia è molto wild grazie alla macchia mediterranea che la costeggia per tutta la sua lunghezza e che regala molti punti d’ombra.

cala civette

Troverete un sacco di legni per poter fare delle vere “casette” per creare dell’ombra e rinfrescarsi dalla calura.
Nel pomeriggio l’acqua è diventata di uno splendido verde smeraldo, e nonostante le barche davanti e le persone che c’erano è rimasta limpida tutto il giorno. Era domenica pomeriggio e la spiaggia non era assolutamente affollata e riuscivamo benissimo a mantenere le distanze dalle altre persone.

Tips; La spiaggia è totalmente libera, il consiglio è di portare acqua e cibo a sufficienza. Il bar è dall’altra parte del guado. Per quanto riguarda il campeggio libero la Toscana è molto tranquilla su questo fronte, se vi comportate a modo, non sporcate e rispettate l’ambiente nessuno vi dirà niente.

Come tornare indietro da cala civette Follonica

Vista l’esperienza del giorno prima abbiamo escogitato un modo alternativo per evitare il guado, e la mezz’ora nella macchia. L’acqua per fare la traversata è bassa e si riesce ad attraversare tranquillamente, abbiamo lasciato il nostro materassino gonfio, ci abbiamo caricato tutto sopra, e a piedi abbiamo fatto la traversata evitando così scogli e guado. Semplice no?

La nostra giornata al mare nella nostra splendida Toscana termina qui, ma dedichiamo qualche ora per visitare Castiglione della Pescaia. E’ stata una giornata fantastica e siamo stati molto felici di aver scoperto questo angolo di paradiso.

clicca qui https://www.invaligiaconarianna.it/idee-vacanze-in-toscana-calci-e-la-valgraziosa/

Se hai qualche domanda lasciami un commento qui sotto e ti risponderò al più presto.

Leave a comment

  1. Dove andare al mare in Toscana | Arianna Zappia | Il viaggio che ti cambia
    Permalink
  2. 10 spiagge in Toscana imperdibili| Arianna Zappia | Il viaggio che ti cambia
    Permalink
  3. ciao, molto bello il tuo articolo su cala Civetta. A breve ci andrò anche io 🙂 Volevo chiederti delucidazioni sul ritorno..esattamente dove siete passati? si deve nuotare o è possibile camminare? Grazie mille
    Irene

    1. Ciao Irene, grazie mille.
      Noi al ritorno siamo passati dal fiume, ma non camminandoci bensì con il materassino.
      Il fiume si attraversa tranquillamente, c’erano tanti bambini che lo attraversavano, però è solo un pò noioso ma fattibilissimo.
      In alternativa puoi passare dal boschetto e sono 15-20 minuti di camminata.
      Se ti va fammi sapere dopo che ci sei stata.
      Arianna